L’esercizio fisico è fondamentale per chi vuole restare in forma e prevenire patologie cardiovascolari, diabete e altri malanni. Per fortuna esistono diverse soluzioni per allenarsi in maniera gratuita, semplice e rapida. Una di queste è la camminata. Addominali, squat, plank…se il solo pensiero di questi esercizi in palestra ti fa rabbrividire, tieniti in forma comminando. Infatti si può dimagrire andando a passo svelto per trenta minuti, tre volte alla settimana. A dirlo sono le nutrizioniste Sara Cordara e Laura Avalle, autrici del libro “La dieta della camminata”. Camminare è adatto a tutti ed è un vero toccasana per tutto il corpo, ci assicurano.

Non serve camminare per chilometri. Basta un parco o un’area verde nei dintorni di casa e delle scarpette comode. L’importante è fare fitwalking, cioè procedere con una bella camminata energica, la cui velocità aumenterà ogni giorno un po’ di più, fino ad arrivare a 6-7 km/h. Inizialmente basterà camminare trenta minuti per due o tre giorni la settimana, per poi aumentare poco a poco fino ad arrivare a camminare per un’ora di seguito anche cinque giorni su sette. Grazie a questa dieta si possono calare fino a 4 kg in un mese e perdere centimetri.

L’orario migliore per dimagrire camminando è il mattino, perchè abbiamo dei picchi ormonali che ci fanno bruciare più grassi, ma i risultati sono garantiti indipendentemente dall’orario. Altro segreto: allenarsi a stomaco vuoto. Secondo alcuni studi infatti, durante l’attività fisica della mattina il corpo utilizza come fonte di energia direttamente i grassi.

Naturalmente per perdere peso camminare non basta, è necessario seguire un regime alimentare corretto. Il libro di cui sopra ne prevede uno articolato in 4 diverse fasi; all’inizio la perdita di liquidi, poi ci sarà una fase stazionaria, poi si riprenderà a scendere fino ad ottenere il peso forma. 

  1. fase Depurativa: 3 giorni in cui si magia poco e i carboidrati non sono ammessi.
  2. fase Rieducativa: 7 giorni in cui si introducono alimenti come uova, latte e derivati, cereali e legumi.
  3. fase di Consolidamento.
  4. fase di Mantenimento: in queste ultime due fasi troviamo carni magre, salumi e alcuni formaggi, con aumento degli alimenti che contengono amido.

Mai sottovalutare l’importanza dell’acqua è indispensabile! Si consiglia di bere prima e durante l’allenamento, inoltre bisogna ricordarsi di bere al termine dell’attività fisica, anche se non si ha la sensazione di sete. Chi suda molto avrà bisogno di bere e reintegrare molti più liquidi, altrimenti rischia di andare incontro a disidratazione. Scegliamo sempre acqua a temperatura ambiente.

 Ora vi lascio, buona dieta della camminata e buon allenamento a tutti! Baci baci, Gina.

P.S. Avevo già parlato di dieta qui.

Cammina ogni giorno almeno 30 minuti
la dieta della camminata
Bevi tanta acqua
la dieta della camminata
Segui una dieta equilibrata

Credits: Pinterest

Author

Blogger, Image Consultant, Fashion Stylist. Creativa, allegra ed ottimista, amo la mia famiglia e adoro la compagnia. Vivo di Moda da sempre.

2 Comments

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top